Isolamento acustico, quali materiali fonoassorbenti e quelli fonoisolanti

materiali fonoassorbenti

Il rombo delle automobili, sempre più frequenti e sempre più assordanti, ma anche aerei, sirene e tutto ciò che produce inquinamento acustico, rischiano di diventare un vero problema ai giorni nostri. Ma non solo, si pensi ai vicini rumorosi, all’adiacenza di qualche locale notturno, insomma, di rumori molesti non ne mancano di certo. Per fortuna le nuove tecnologie ci vengono in aiuto: oggi esistono numerosi materiali fonoassorbenti, che sono quindi in grado di limitare i decibel all’interno delle nostre case. 


Materiali fonoassorbenti e fonoisolanti quali sono

I materiali fonoassorbenti sono utilizzati in prevalenza per migliorare la qualità acustica degli interni, mentre i materiali fonoisolanti veri e propri servono appunto per isolare dai rumori esterni. Bisogna quindi avere chiara questa distinzione quando si deve acquistare il materiale edile. 

Per esempio, se si ha la necessità di ottenere un ambiente con una particolare acustica, come per esempio un’aula magna o una sala prove o una sala musica, un auditorium, è sicuramente necessario utilizzare dei materiali fonoassorbenti, cioè, che evitano di far propagare le onde sonore in quanto trasformano l’energia sonora in calore.

Per quanto riguarda i materiali fonoisolanti, invece, sono quelli che prettamente isolano dai rumori esterni gli ambienti interni. 

Materiali minerali fonoassorbenti

Tra i materiali fonoassorbenti sono da ricordare quelli in fibre minerali, quali per esempio la lana di roccia e la lana di vetro. Questi sono materiali porosi nei quali l’assorbimento delle onde sonore avviene mediante trasformazione di energia sonora in calore proprio a causa dell’attrito che le onde sonore trovano al loro interno. 

Altri tipi di materiali fonoassorbenti sono vegetali o sintetici. Naturalmente nella bioedilizia si utilizzano materiali prettamente naturali. Tra i materiali vegetali ricordiamo il sughero, la canapa, fibra di legno, quindi anche certi intonaci realizzati con impasto che include fibre vegetali, come la lolla di riso, contribuiscono a un isolamento ideale.